English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)
Bagliori di metalli

Debitón debitón, pagarón pagarón,
con che con che, con broche e ciò


Ci indebitiamo ci indebitiamo, pagheremo pagheremo,
con che cosa con che cosa, con bullette e chiodi



 

Una volta arrivati ad Agordo, ci si immette nel Canale d'Agordo, una valle profonda scavata dal Cordevole, affluente del Piave. Sulla destra del fiume si scorge il complesso minerario di Val Imperina, raggiungibile attraverso un ponte di legno. I giacimenti, sfruttati sistematicamente a partire dal secolo XV per estrarne galena argentifera e poi pirite cuprifera, furono abbandonati nel 1962. L'alluvione dei 1966 danneggiò fortemente gli edifici del villaggio minerario, trasformandolo in un luogo spettrale.

Complesso di Val Imperina agli inizi del '900

Complesso di Val Imperina agli inizi del '900

I restauri in corso sono finalizzati al recupero di alcune strutture per renderle visitabili e alla realizzazione di un Museo delle miniere e dei minatori, molti dei quali integravano tale attività con quella di seggiolai ambulanti. Verrà inoltre aperto un centro visitatori del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, dedicato agli aspetti geologici del territorio del Parco.
Un itinerario suggestivo è quello che dalla Val Imperina attraversa i paesi dei seggiolai nei comuni di Rivamonte e Gosaldo e porta nella Valle del Mis.

Seggiolaio. Rivamonte Agordino (1998)

Seggiolaio. Rivamonte Agordino (1998)

Nell'insediamento abbandonato di Stua, non lontano dall'abitato di California semidistrutto dall'alluvione del 1966, è possibile vedere i resti di un opificio a forza idraulica, il mulin de la stua, costruito nel secolo XIX e utilizzato per la lavorazione del ferro, per la macina delle granaglie e per produrre energia elettrica.
Molto interessanti gli insediamenti di Gena Alta e Gena Bassa, nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Tabià. Coi di Zoldo (1985)

Tabià. Coi di Zoldo (1985)

Si arriva quindi a Sospirolo dove è ancora in funzione la fucina di Gino Mezzacasa, fino a pochi anni fa azionata ad acqua, che oggi muove solo una piccola mola per l'affilatura delle lame.