English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)
Carbone nero

Villaggio Cimbro di Vallorch. (1920)
Mascherone di pietra
Villaggio Cimbro di Vallorch. (1920)
Mascherone di pietra

 

A Puos d'Alpago, le acque del torrente Tesa muovevano le ruote di un complesso di opifici di proprietà della famiglia Funes, costituito da una segheria, da un'officina con maglio, trapani e torni e a qualche metro di distanza, collegato alla segheria, da un mulino da cereali oggi convertito in abitazione. Dopo aver superato Farra d'Alpago è possibile costeggiare il Lago di Santa Croce, sulle cui sponde si possono ancora intravedere alcune vecchie imbarcazioni di pescatori.
L'Alpago, terra di forte emigrazione, fornì per secoli manodopera a buon mercato alla Repubblica veneta e materia prima per l'Arsenale. Dal Bosco del Cansiglio, già allora rigidamente controllato e di cui si auspica la trasformazione in riserva naturale, si ricavavano infatti i remi per la Repubblica di San Marco e prezioso carbone. Nel mezzo della foresta si estende il Pian del Cansiglio, ampia zona di pascolo con malghe per i bovini. In quest'area è stato organizzato un sistema museale, di cui fanno parte il Museo naturalistico, il Giardino botanico alpino e il Museo Etnografico e della civiltà cimbra di Pian dell'Osteria.
Quest'ultimo presenta una documentazione di interesse storico e antropologico sullo sfruttamento delle risorse boschive e sugli scatolèri, artigiani "cimbri" provenienti da Roana (Altopiano dei Sette Comuni), insediatisi nel Cansiglio nel secolo XVIII. Gli uomini di questa piccola comunità si erano specializzati nelle attività di esbosco, di produzione del carbone e nella costruzione di scatole di faggio, vagli, mantici, forme di formaggio. Nel museo sono illustrate tra l'altro le tecniche di produzione delle sottili assicelle di faggio curvate. All'esterno dell'edificio è stata ricostruita una capanna di legno, huta, che serviva da officina.
A pochi chilometri dal museo si trovano i villaggi cimbri di Vallorch e di Le Rotte, distrutti nel '44 e poi completamente ricostruiti. Si tratta di piccoli insediamenti costituiti da un insieme di edifici a pianta allungata, con basamento in pietra e pareti in legno.

 

Mulino e segheria. Puos d'Alpago (1999)
Casa a gradoni. Borsoi d'Alpago (1995) Muri di case in pietra. Ponte nelle Alpi (1995)
Mulino e segheria.
Puos d'Alpago (1999)
Casa a gradoni.
Borsoi d'Alpago (1995)

Muri di case in pietra.
Ponte nelle Alpi (1995)